LA NOSTRA CRONACA PER IL 2010



L

’anno 2010, è stato pieno di varietà e salute discreta, malgrado il tempaccio che abbiamo sofferto per gran parte.

 

Il lavoro d’insegnamento è continuato con soddisfazione all’istituto comprensivo di Gallicano, al collegio di Bagni di Lucca (dove ho condotto le lezioni CTP serali per gli adulti) e alla scuola Leonardo.

 

Abbiamo continuato la serie di bellissime gite nei paesaggi idillici delle Apuane e degli Appennini, ma non con così tanta soddisfazione, dato il gran numero di frane ed allagamenti sostenuti.

 

D’ospiti è venuto l’amico Nick (col quale feci l’autostop nell’India nel 1967) con sua moglie (per la quale era il primo viaggio in Italia) e abbiamo fatto una simpatica gita sul monte prato fiorito. In estate la mamma e la cugina di Sandra hanno fatto un gradito soggiorno.

 

Di viaggi memorabili si ricorda: La Spezia, per il suo museo Amedeo Lia, Torino per la solenne ostensione della Sindone, la festa delle Azalee a Borgo a Mozzano, Genova (la città italiana preferita di Charles Dickens) dove insegnai al Liceo King nel 1995, Livorno per il museo Fattori e l’acquario, Firenze per la mostra del Bronzino, Viareggio per il suo Carnevale (prima volta!), Lavagna (dove vissi nel 1995) per la basilica dei Fieschi ed il suo bel mare, Parma con la casa di Toscanini, e da non dimenticare il castello dell’Aquila vicino a dove abbiamo partecipato al presepe vivente come due astrologi

 

Durante la vendemmia (dove abbiamo assistito alla raccolta d’amici) siamo stati al Castello di Verazzano e visitato delle fattorie nei colli lucchesi. Quest’anno, l’orto ha continuato con maggior successo nel frutteto grazie alla siepe più robusta contro i caprioli ed i cinghiali.  Abbiamo restaurato una stanza in cima a casa nostra che ci offre migliore protezione contro le frane, oltre a darci un’eccelsa vista.

 

L’attività del nostro gruppo Corale: i Cantores Lucenses, che specializzano in canto gregoriano e polifonico, si sviluppa sempre con nuovi pezzi d’Orlando di Lasso nel nostro repertorio. Abbiamo cantato, con gran successo, per la Sagra Musicale Lucchese, a Casabasciana, a Sant’Andrea di Compito e per il cantiere d’estate a Benabbio. Purtroppo si deve segnalare che morì all’inizio quest’anno la madre del direttore del nostro coro.

 

E’ stata inaugurata, presso Gombereto, una lapide in memoria di Bryan Davies con una cerimonia di canzoni e poesie. L’infaticabile Prof Baiocchi ha di nuovo organizzato una festa di poesia a Longoio. Per la prima volta è stata depositata una corona al nostro piccolo monumento dei caduti dall’assessore Gemigniani

  

Abbiamo goduto dei bellissimi spettacoli: il nostro consulente artistico, Claudio Sassetti, ha cantato nella “La Fanciulla del west” a Torre del Lago. Il nostro medico condotto, Vito Valentino, ha prodotto una commedia favolosa intitolata “Il Re di spade.” Eliseo Sandretti ha tenuto un magnifico concerto nella serie "musiche nell’antico convento" a San Francesco, Borgo, tra l’altro.

 

Sandra ha, anche quest’anno, partecipato al concorso di pittura estemporanea a Bagni di Lucca. Abbiamo celebrato, nel circolo dei forestieri, i 94 anni del prof. Sam Stych, da tanti anni Bagnolo, e somma autorità sul Boccaccio.

 

La Biagetti, il Pineschi, il Galanti ed altri insigni organisti, con il nostro coro, hanno partecipato al festival dei concerti d’organo in Val di Lima. Al teatro Colombo di Valdottavo abbiamo assistito alla nuova stagione di concerti cameristici organizzati dal Maestro Rondina (il cognato di lei che ci ha trovato casa a Longoio). La Lucca"Comix and Games", dove Sandra si è vestita in una gatta fantasiosa, è stata particolarmente vivace.

 

Con un amico pilota ho sorvolato la Toscana sul suo aliante motorizzato – un’esperienza veramente incredibile! Sono anche stati ritornati da un parente delle partiture di musica l’unico ricordo che serbo della madre deceduta l’anno scorso. Da non dimenticare è la conferenza che feci sui “luoghi di Shelley”. Insomma, abbiamo passato un altro bell’anno, più vecchi ma non meno contenti!

 

Infine, il nostro gatto Napoleone, continua robusto e intelligente come i suoi amici, gli altri gatti e conigli.


Augurandovi Buon Natale e Felice Anno Nuovo! Da Francis e Sandra