LA NOSTRA CRONACA PER IL 2008



L

’anno 2008 ha continuato a confermare la correttezza della nostra scelta di vivere in permanenza in questo meraviglioso paese specialmente ora che la crisi economica ha colpito Inghilterra in maniera ancora più dura dell’Italia.

 

Purtroppo, l’anno ha cominciato tristemente con la morte, all’età di 90 anni, del papà di mia moglie Sandra, il cavalier Dino Cipriani, gran contribuente all’riavvicinamento dell’Inghilterra con l’Italia e mostratosi principalmente attraverso i tanti anni di servizio come Segretario dell’Istituto Italiano di Cultura a Londra. I funerali del cavaliere sono accaduti a Londra. Le ceneri sono state poi trasportate in Italia e internate nel cimitero di Fiesole dopo una cerimonia nella cattedrale. Pochi giorni tempo dopo morì anche la sorella Dina, zia di Sandra.

 

Il lavoro d’insegnamento è continuato con soddisfazione al collegio di Castelnuovo di Garfagnana (dove ho condotto le lezioni CTP serali per gli adulti) e alla scuola Leonardo a San Concordio Lucca dove sono stato assunto come lettore d’inglese e dove ho assistito allo sviluppo di un programma teatrale per gli alunni della terza media (in inglese, si capisce).

 

Abbiamo potuto continuare la serie di bellissime gite nei paesaggi idillici delle Apuane e degli Appennini.

 

A giugno, con due conoscenze, mi sono trovato nella Mongolia, paese d’incantevole bellezza con le sue distese di montagne, deserti e pianure. Dai viaggi in cammello nel Gobi vicino la frontiera con la Cina e le gite a cavallo nel centro, ho anche potuto visitare il popolo delle renne vicino alla frontiera con la Russia e assistito ad un tipico festival del paese con lotta e corsa di cavallo.

 

Al ritorno ho dovuto affrontare in poco tempo un altro lutto quando è scomparsa d’improvviso la mia collega e compagna d’innumerevoli camminate, Caroline, all’età di soli 50 anni, di Leucemia, nell’ospedale di Santa Chiara, Pisa.

 

Quest’anno, la coltivazione ha continuato, però con minor successo a causa di troppa pioggia a giugno e siccità estrema a settembre. E stata aggiunta una capanna nel campo, e anche una “birreria” con tavolo e panchine. Infatti, abbiamo già pranzato tra le querce che lo circondano in varie occasioni.

 

L’attività del mio gruppo Corale: i Cantores Lucenses, che specializzano in canto gregoriano e polifonico, si sviluppa. Abbiamo cantato con gran successo per la Sagra Musicale Lucchese, a Casabasciana e a Sant’Andrea di Compito.

 

Quest’anno, notevole per il 150 esimo anniversario della nascita del maestro Giacomo Puccini, siamo andati a dei bellissimi spettacoli,: per esempio l’Edgar e la Madama Butterfly a Torre del Lago.

 

Da notare l’inaugurazione della panchina in memoria dell’amico e muratore Fabio Lucchesi nella quale ho recitato un mio verso, ripetuto poi nel festival della poesia tenutasi a Longoio - una grande iniziativa dell’instancabile Prof, Aldo Baiocchi. Questa è stata seguita da un’altra festa, anch’essa con quadri di noti pittori locali, e perfino una castagnata, tenutasi nuovamente dopo tanti anni d’assenza e indirizzata per raccogliere fondi per la chiesa parrocchiale di San Gemignano. Ho potuto anche contribuire al programma dell’università della terz’età con una conferenza sul giardino ed il paesaggio inglese.

 

La nostra “famiglia” ha ricevuto due aggiunte nella forma di Qui e Qua, anatre mute che da piccolissimi pulcini si sono fatte belle e grasse e anche molto simpatiche.

 

Infine, il nostro gatto Napoleone, che è diventato un indispensabile membro del nostro menage, continua robusto e intelligente.

 


 

Augurandovi Buon Natale e Felice Anno Nuovo!

Francis e Sandra